sabato 13 settembre 2014

La frase del giorno, per Daniza: Fulco Pratesi

Tanti anni fa io ero un cacciatore. Un giorno, mentre mi trovavo a caccia di orsi nei boschi della Turchia, ho assistito ad una scena che mi ha cambiato la vita: un'orsa con i suoi tre cuccioli, a pochi metri da me. In una manciata di secondi ho capito che stavo facendo una follia. Sono tornato in Italia, ho venduto i fucili e, con un gruppo di amici appassionati di natura, ho fondato il WWF. In me era nato un sogno: proteggere gli animali, gli ambienti, fare qualcosa per costruire un mondo di armonia tra uomo e natura.
Fulco Pratesi, Presidente Onorario di WWF Italia
Immagine tratta da QUI
Mi sono imbattuta in questa frase la scorsa settimana, in occasione dell'ottantesimo compleanno di Fulco Pratesi, fondatore di WWF Italia e oggi suo Presidente Onorario. Leggerla in questi giorni lascia un sapore amaro, amarissimo: un gusto di drammatica tristezza e insopportabile ingiustizia, per una vicenda gestita male fin dall'inizio. Ormai la notizia ha fatto il giro di tutta Italia: Daniza, l'orsa bruna con al seguito due cuccioli che stava allevando e proteggendo (e malaguratamente li ha difesi da un cercatore di funghi, ferendolo), è morta, uccisa da una dose troppo massiccia di anestetico.
Vorrei essere breve sulla vicenda, invitandovi soprattutto ad informarvi leggendo i tanti articoli che sono stati pubblicati da quotidiani, da siti delle più importanti associazioni ambientaliste ed animaliste italiane, che ora chiedono soprattutto tre cose: che si faccia chiarezza sulla morte dell'orsa per capire quando la sua triste sorte sia stata accidentale; che i suoi due cuccioli di 8 mesi, rimasti orfani ben prima di essere considerati autonomi, siano monitorati e protetti qualora risultasse chiaramente a rischio la loro sopravvivenza; che questa storia non si ripeta più. 
A questo proposito, vi invito fin d'ora a firmare la petizione della LAC (Lega Abolizione Caccia) per revocare la delibera sull'uccisione degli orsi in Trentino: potete firmare qui.
Ed ecco alcuni articoli:
E per non essere solo arrabbiati ma anche un pò propositivi, vi mostro un bel video di WWF appunto per promuovere un mondo di armonia tra uomo e natura: "viaggiare sicuri nel paese degli orsi".
video

Chiudo questo post citando un pezzo di un articolo illuminante, che vi consiglio di leggere integralmente: "Daniza voleva solo vivere", scritto dalla Dott.ssa Annamaria Manzoni, che riassume perfettamente dov'è stato (dove è sempre stato e dove purtroppo starà ancora lungo, aggiungo), il problema grave che ha condotto all'evitabile morte di un'orsa e ora mette a serio rischio la vita di due cuccioli:
"Daniza che difende i suoi piccoli e che per questo viene condannata, è solo l’ultimo caso, in ordine di tempo, di un animale che non fa altro che esprimere le proprie caratteristiche di specie e che per questo viene punito dall’uomo. Uomo il cui giudizio, sempre guidato dall’interesse, in queste situazioni sembra equiparare a sé gli animali, riconoscendo loro la responsabilità di scegliere tra bene e male, li ritiene colpevoli di comportamenti che violano la pacifica convivenza interspecifica stabilita secondo parametri esclusivamente umani; lo stesso uomo che, in ogni altro contesto, tratta gli stessi animali come esseri inferiori quando non semplicemente cose".
Ciao Daniza, non siamo stati all'altezza di gestire il tuo sacrosanto istinto materno e il tuo diritto di esistere, libera e compresa nelle tue necessità, accanto alla nostra civiltà... speriamo almeno di dimostrarci in grado di prenderci cura dei tuoi cuccioli, che un giorno possano diventare orsi adulti e liberi, in una natura che è nostra tanto quanto loro.

14 commenti:

  1. Grazie per questo post, interessante sotto tutti gli aspetti che hai toccato.
    Significativo e molto utile il video.

    RispondiElimina
  2. un bel post.........spero sempre che l'uomo prima o poi riesca a capire la natura e i suoi equilibri
    un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Grazie di queste riflessioni. Spero che ognuno si rimbocchi le maniche e faccia la sua parte per la difesa della vita di tutti gli esseri e per la salvaguardia della natura.

    RispondiElimina
  4. Un post splendido per una vicenda che lascia davvero una tristezza immensa. Stiamo distruggendo la natura e con questa presunzione rimarremo soli in una terra ormai deserta. Riposa in pace Mamma Orsa, noi uomini siamo troppo meschini.

    RispondiElimina
  5. Grazie Silvia, siamo ancora lontani anni luce, ma spero che prima o poi si capisca di far parte di un sistema complesso di cui non siamo i padroni..poveri cuccioli, senza la loro mamma orsa!

    RispondiElimina
  6. Piccola grande DANIZA orsacchiottona colpevole per l'essere umano di un reato deplorevole, amare i tuoi figli! Mamma rosa veglia su di loro dal ponte dell'arcobaleno affinché possano continuare la tua vita attraverso la loro!
    Un abbraccio mia cara Silvia, il,tuo post e' bellissimo, emozionante ed esprime tutto l'affetto per la nostra DANIZA!

    RispondiElimina
  7. Finché l'uomo continuerà a pensare che il creato sia stato fatto solo a suo uso e consumo, cose come questa continueranno ad accadere. Che sia un orsa, un camoscio, un maiale o un uccellino, tutte le creature fanno parte della terra e non siamo più importanti di loro, come diceva la grande Margherita Hack!

    RispondiElimina
  8. La morte di Daniza mi ha scosso nel profondo.... Davvero tanto, tanto che ho pianto per lei, per questa terribile ingiustizia frutto del male dell'antropocentrismo.... E ha messo in discussione il mio stile di vita già fortemente incline al vegetarianesimo. L'uomo ha dato conferma del fatto che non è in grado di convivere con l'ambiente circostante......
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  9. Daniza voleva soltanto proteggere le sue creature.....ora che ne sarà di loro....L'uomo crede di essere padrone assoluto...quanto si sbaglia !!! Un bacione . Mirtilla

    RispondiElimina
  10. Quanta tristezza!!! Povero mondo!!
    Un abbraccio!!

    RispondiElimina
  11. Grazie per questo post e per il link alla petizione!

    RispondiElimina
  12. @ Krilù: grazie a te per essere passata e aver commentato! Sono contenta che il video tu l’abbia trovato utile!

    @ Roby: non parlarmene, lacrime anche per me, e rabbia e voglia di fare qualcosa di meglio di questo.

    @ Andreina: io credo che l’uomo non voglia riuscire a capire la natura e i suoi equilibri, perchè per il momento è riuscito a cavarsela ugualmente. Quando avrà superato così tanto i limiti naturali e dell’ecosistema mondiale (e sarà troppo tardi) allora ci sarà il mea culpa e la vera presa di coscienza. Forse sono troppo cinica e arrabbiata…

    @ Mari da solcare: che piacere rileggerti qui! Grazie a te per essere passata e concordo in pieno con il tuo commento.

    @ Silvia: cara Silvia, non potevi scrivere un commento migliore e da me più condiviso di così. Un abbraccio a te e ai tuoi due cagnoni.

    @ Carmen: dici bene, siamo ancora lontani anni luce, e a volte ho l’impressione che, come c’è una parte di umanità consapevole e sensibile, ce n’è un’altra irrimediabilmente persa e cinica dietro il proprio utile.

    @ Stella: anche il tuo commento è bellissimo ed emozionante, hai scritto cose stupende per Daniza, purtroppo morta per essere stata una mamma amorevole.

    @ Eli: esattamente, parole sante, le tue e quelle della grande Hack!

    @ Lena: proprio così, l’ennesima conferma dell’uomo che non è in grado di convivere positivamente con l’ambiente circostante…e la cosa più assurda e stupida, è che alla lunga quelli che ne pagheranno maggiormente le conseguenze saremo proprio noi uomini!

    @ Mirtilla: spero che almeno le autorità riescano a garantire l’incolumità e la crescita sicura dei due cuccioli… almeno questo. Un abbraccio a te Mirtilla!

    @ Lory: sì Lory, di fronte a questa vicenda viene solo da dire “povero mondo”! Un abbraccio a te!

    @ Strawberry: grazie a te per essere passata e se firmerai la petizione, il grazie raddoppia! ;-)

    RispondiElimina
  13. Quanto è cattivo l'uomo, vuole essete il padrone del mondo.

    RispondiElimina