venerdì 26 aprile 2013

"Il gatto in noi" di William S. Burroughs

Scritto dalla penna di William Burroughs, scrittore statunitense passato alla storia per le sue saghe visionarie e la sua vicinanza alla beat generation, Il gatto in noi è un piccolo librino che colpisce da tanti punti di vista: sono pagine autobiografiche alternate a immagini oniriche, aneddoti realmente accaduti che si intrecciano a incubi, sogni e allucinazioni, episodi crudi e amore profondo per i propri gatti. Questo libro è come una corsa sulle montagne russe, ripercorrendo ricordi dell'autore, emozioni, visioni, paure, rimpianti, sensi di colpa e affetto per Ruski, Fletch, il "Gatto Bianco" e gatti di ogni colore, tipo, temperamento. Per inquadrare meglio l'autore e il suo sfaccettato amore per i gatti, vi invito anche a leggere questo interessante articolo "Il gatto del miracolo" di Yoni Leyser.



Devo essere onesta: non credo che questo sia un libro "per tutti", perchè non sarà necessariamente apprezzato, anzi in taluni creerà sicuramente un pò di fastidio. Burroughs scrive infatti frasi sferzanti a proposito dei cani (che io stessa non condivido), oppure narra di episodi cruenti dovuti alla cattiveria umana a discapito di animali selvatici (tassi, volpi)... tuttavia, dopo averlo finito, non ho potuto non riconoscere a queste pagine un'intrinseca e indubitabile bellezza. Perchè trasudano di un sentimento per me evidentissimo: l'amore profondo, la complicità, il legame solido e ricambiato tra uomo e gatto. In molti punti si legge della paura angosciante - che tormenta anche il sonno dell'autore - di perdere il proprio amico a quattro zampe, per una generica disgrazia o a causa della propria negligenza. Burroughs narra ad esempio di quando andò a recuperare l'amato Ruski in un ricovero per animali, dopo che era stato catturato erroneamente: toccante è la sua disperazione umana prima di ritrovare il proprio gatto, spaventatissimo; pienamente condivisibili sono le riflessioni che Burroughs fa in seguito, sui tanti gatti nei rifugi, condannati a non trovare più la loro famiglia.
Inoltre Il gatto in noi mette in luce qualcosa che nel "senso comune" si tende a negare: la forte dipendenza affettiva del micio verso il suo compagno umano. Legarsi a un gatto significa essere responsabili del suo benessere e della sua felicità: lui ripone in noi non solo il suo affetto, ma tutta la sua fiducia. Scrive infatti l'autore parole intense, che credo possano colpire al cuore tutti noi: "Voi che amate i gatti, rammentate che i milioni di gatti che miagolano nelle stanze di questo mondo ripongono ogni loro speranza e fiducia in voi, così come mamma gattina alla Casa di Pietra appoggiò la testa sulla mia mano, e Calico Jane mise i gattini nella mia valigia, e Fletch saltò in braccio a James, e Ruski corse verso di me gorgogliando gridolini di gioia" (W.S. Burroughs, Il gatto in noi, Adelphi, p. 105).

8 commenti:

  1. "siamo responsabili del loro benessere". Ecco, mi sento un po' angosciata per questo :'( spero tanto di essere all'altezza dell'arduo compito che ho di far sentire meglio il mio gattino ansioso.

    RispondiElimina
  2. grazie Silvia per questo interessante post!
    buon fine settimana
    Lena

    RispondiElimina
  3. Mi sa che lo leggerò nonostante mi preoccupino un po' i passaggi relativi alla crudeltà umana nei confronti degli animali, perchè so già che mi faranno arrabbiare e soffrire.
    Grazie come sempre per i tuoi suggerimanti! Ale

    RispondiElimina
  4. grazie per l'info,ma non credo che riuscirei a leggerlo.Baci

    RispondiElimina
  5. Grazie per essere passata da me e per il tuo commento e grazie per il consiglio :).
    Debora

    RispondiElimina
  6. Credo lo leggerò... quando racconto della mia infanzia alle mie figlie, inevitabilmente mi capita di associare questo o quel ricordo ad uno dei tanti gatti che fin da quando sono nata, hanno accompagnato la mia vita e di cui ricordo tutti i nomi, le abitudini e le manie. Mi capita di pensare che, se esiste davvero un paradiso, quando passerò oltre ci saranno anche loro ad aspettarmi!

    RispondiElimina
  7. Ciao Silvia, sempre interessanti i tuoi suggerimenti di lettura. Cercherò il libro!!
    Un abbraccio stretto e buona settimana!!!!

    RispondiElimina
  8. Grazie a tutte voi per i vostri commenti!!

    @ Zion: sicuramente l'affetto e la preoccupazione che provi per Bella sono già ottimi "sintomi" del fatto che sei in grado di prendertene cura... anche quando non è facile! Coraggio.

    @ Lolle: io ne sono sicura... paradiso è dove re-incontreremo i nostri amati, non importa se umani o non umani!

    Un grande saluto a tutte voi!

    RispondiElimina