mercoledì 29 ottobre 2014

I gatti e la musica: amore, indifferenza e straordinarie esperienze

Come reagiscono i nostri felini domestici alla nostra canzone preferita in onda alla radio, al suono di un pianoforte, al concerto di Capodanno in tv o al nostro canto sotto la doccia? Riescono ad apprezzare un brano di musica classica e si inquietano ascoltando un pezzo heavy metal, oppure non colgono alcuna differenza tra i due? E' difficile dare una risposta univoca e soprattutto "scientifica", perchè molto dipende da ciascun gatto e dai motivi per cui reagisce in quel certo modo, di fronte agli stimoli musicali. Esistono gatti che mostrano uno spiccato interesse per la musica, così come si può osservare in altri mici una completa indifferenza verso ogni stimolo sonoro, o ancora ci sono gatti che dimostrano un aperto fastidio per i suoni, anche quelli che noi umani giudichiamo piacevoli. Sarebbe bello e simpatico affermare che i gatti siano animali musicali e amanti della musica a tutto tondo, in realtà dobbiamo fare attenzione a non "antropomorfizzare" troppo i nostri amici a quattro zampe: ci sono mici che apprezzano la musica, altri che ne sono infastiditi, ma più spesso la maggior parte di loro si dimostra indifferente.

Ecco Paciocca in uno dei suoi posti preferiti
Perchè il gatto dovrebbe reagire alla musica, una delle arti più complesse che l'uomo sia mai riuscito a creare? Anzitutto, perchè i gatti hanno un udito finissimo (in particolare per quanto riguarda i suoni acuti): quindi ogni stimolo sonoro viene da loro colto e, di volta in volta, valutato come degno di interesse o di disinteresse. E dobbiamo farcene una ragione: per natura, il gatto troverà sicuramente più interessante l'impercettibile squittìo del topo, rispetto ad un concerto per orchestra sinfonica. Inoltre il gatto, proprio perchè così sensibile ai suoni, non sempre reagisce positivamente alla musica poichè potrebbe essere colta come troppo "frastornante", se a volume troppo alto. Ci sono però una miriade di esperienze contrastanti: mici che iniziano a fare le fusa, rotolarsi sul pavimento e leccare le mani del pianista che esegua una musica di Debussy; gatti che al contrario cercano di tappare la bocca con la zampina al cantante che raggiunga un suono acuto; gatti palesemente eccitati dal punto di vista sessuale qualora sentano una specifica nota o addirittura felini che, udendo una sequenza di note, cadono vittime delle convulsioni.

Fonte immagine: QUI
Per quanto mi riguarda posso raccontarvi che Paciocca, tra tutti i gatti che ho avuto, è l'unica che ha dimostrato la più spiccata predisposizione per la musica: ha sempre amato sentirmi suonare il piano (tant'è che per lunghe ore non si muoveva dalle mie vicinanze, anche quando suonavo brani particolarmente aspri e dissonanti) ma, non appena accenno a mettermi a cantare, inizia a fare le fusa, mi salta in braccio e miagola in modo agitato, annusandomi la bocca. Ho il sospetto - per nulla gratificante, a dire il vero - che colga il mio canto come una specie di lamento sofferente e che quindi accorra per consolarmi. Diversamente da Paciocca però, la maggior parte dei gatti che ho avuto era assolutamente indifferente alla musica. Eventualmente, se iniziavo a suonare il piano (anche brani piacevoli e rilassanti di Mozart o Bach) e nella stessa stanza c'era un gatto addormentato, questo si svegliava infastidito dall'improvviso "frastuono" musicale e se ne andava a proseguire il pisolino in un'altra stanza, indignato per la brusca interruzione della sua tranquillità.

Fonte immagine: QUI
La spiegazione più scientificamente credibile delle più sorprendenti reazioni dei mici di fronte a note, musiche e fischiettii, è che i nostri animali reagiscano non alla musica in quanto tale, bensì solo a particolari note che ricordano loro "messaggi" specifici nel loro linguaggio felino. I gattini di poche settimane, ad esempio, emettono miagolii molto acuti, specie quando si trovano in difficoltà o sono spaventati: ecco perchè le gatte, di fronte alle note acute, spesso si agitano e cercano di "consolare" chi sta emettendo quei suoni. Ugualmente anche l'eccitazione sessuale, lo spavento o il fastidio, possono essere spiegati allo stesso modo: una determinata altezza di suono viene interpretata dal gatto come un segnale caratteristico di precise situazioni sociali feline (riproduzione, lotte, segnali di pericolo), che richiedono una risposta adeguata. E questa spiegazione può valere in linea generale per tutti i gatti.

Nora, the piano cat! Fonte immagine: QUI
Esistono poi casi particolari e sorprendenti, che mettono in discussione quanto detto finora: gatti che, al di là di ogni spiegazione scientifica, sono apertamente interessati alla musica, alla sua produzione e alla sua esecuzione. Un esempio per tutti è la celeberrima gattina Nora, diventata diversi anni fa una star su youtube, per la sua passione per il pianoforte. E non intendo - come per Paciocca - predilezione per l'ascolto di brani pianistici... intendo proprio passione per il suonarlo! Se risulta ancora abbastanza ovvio che un gatto più di un altro possa apprezzare l'ascolto di musica classica (emotivamente rilassante, non solo per noi umani), vedere Nora che sembra davvero trarre piacere dal produrre note sul pianoforte, è qualcosa di quasi surreale! 


Come potremmo chiamare questo tipo di esperienza? Il comportamento di questa gattina quanto è vicino a quello di un bambino di pochi anni, che strimpelli sulla tastiera le prime note solo per il piacere sensoriale di produrre suoni? E' qualcosa di davvero straordinario, che apre orizzonti nuovi sulle inclinazioni musicali dei gatti... o almeno su quelle di alcuni in particolare. E i vostri mici come reagiscono alla musica? Ne sono interessati, oppure si dimostrano infastiditi o indifferenti?

9 commenti:

  1. Le mie sono completamente indifferenti alla musica... non c'è artista dentro di loro! :D
    Non avevo idea che dietro poche note accostate al mondo felino potesse esserci tutto ciò! E' sempre un grande piacre leggerti, anche perché ciò che ci proponi è sempre interessantissimo! :)
    Paciocca comunque è un mito! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Roby, mille grazie, Paciocca ti ringrazia :-)) In effetti non ho mai avuto una micia come lei, da tanti punti di vista... comunque hai visto che sorprese ci sono nel mondo felino? E ti dirò che il rapporto musica-animali è stato pochissimo esplorato finora! Un abbraccio e a presto!

      Elimina
  2. Ti posso raccontare di come reagisce Flick alla musica. Non scappa, se sta dormendo...continua a dormire. Quando mia figlia Elena canta, rimane li senza dimostrare particolari emozioni. Ma se dalla cucina apri la scatola di latta dei biscotti...allora corre verso quello che è il più musicale dei suoni! ahahahah!
    Bellissimo questo post!

    RispondiElimina
  3. I miei mici paiono indifferenti alla musica. Quando invece mi metto a cantare entrambi mi guardano con un'espressione sbalordita, quasi .. spaventata. Direi che il mio canto proprio non gli piace!! Ma che carina invece la tua Paciocca che ti fa le coccole:))

    RispondiElimina
  4. Interessantissimo post, non mi ero mai soffermata sulla questione e mi rendo conto che è molto affascinante. Meraviglioso il video della gattina Nora, una volta di più mi rendo conto che il mondo felino ci può riservare delle sorprese incredibili. Per quanto riguarda i miei pelosetti, mi pare proprio che abbiano poche velleità artistiche o per lo meno musicali, quando dormono nulla li disturba e la musica li lascia indifferenti anche le urla di Pietro a meno che non siano vicinissimi e allora se ne vanno infastiditi....La tua Paciocca è veramente speciale, oltre a essere bellissima dimostra di avere una grande sensibilità. Ancora una volta grazie di condividere queste informazioni così interessanti!!!
    Baci

    RispondiElimina
  5. Anche Puxi sembra completamente disinteressato alla musica. Almeno a quella che proviene dalla radio (non abbiamo strumenti musicali in casa).

    RispondiElimina
  6. Le mie sono indifferenti,però se io mi metto acandate sopra qualche canzone Cocca fa proprio come Paciocca,si agita intorno a meronfando e miagolando maquasi in modo preoccupato,come se io stessi male.Probabbilmente come dici tu lo interpretano come un lamento.E io non nego di essere abbastanza stonata,forse mi implora di smetterla!!!

    RispondiElimina
  7. Eccomi Silvia, finalmente ho trovato del tempo per passare a trovarti !
    Bellissimo questo post musical/felino :-)
    Verissimo a molti gatti piace la musica - io ho esperienza personale di diversi gatti che adorano la musica classica in modo particolare Moozart (ma non tutti i gatti hanno gli stessi gutti in fatto di musica) forse solo su una cosa sono d'accordo non amano la musica/rumore stile Heavy Metal che per loro è solo un fastidio
    Un abbraccio buon pomeriggio e Migliore Fine Settimana

    RispondiElimina
  8. @ Eli: eh eh, è verissimo! Per i nostri animali la vera “musica” è il suono del cibo in arrivo! Anche Paciocca, tra le altre cose, ama molto sentire scatolette aperte e il sacchetto dei croccantini scosso come una maracas! ;-)

    @ Viola: l’indifferenza alla musica è la reazione più diffusa tra i mici! Ed evidentemente è anche abbastanza diffuso il fastidio verso il nostro canto… !!

    @ Laura: grazie mille Laura! La gattina Nora è uno spettacolo della natura, veramente resterei ore ad osservarla… ! I tuoi pelosi rientrano nell’assoluta norma dei gatti disinteressati alla musica! ;-) Un abbraccione!

    @ Viviana: chissà come reagirebbe Puxi al suono di uno strumento o al vostro canto? Potresti fare la prova! ;-)

    @ Kilara: eh eh, anche Cocca allora si preoccupa per te!! Guarda secondo me non è questione di essere stonati o intonati, è che proprio colgono il nostro canto come una richiesta di aiuto o un lamento sofferente… certo, la mia autostima musicale crolla a picco a pensarci, però credo sia l’unica spiegazione per giustificare la preoccupazione delle nostre gatte quando cantiamo!

    @ Arwen Alfa: mille grazie!! Hai ragione, tra i vari compositori Mozart di solito è ben gradito ai gatti… e in generale tutti i gatti non amano il frastuono e i rumori graffianti e aggressivi come l’heavy metal! Un abbraccio a te.

    Vi saluto tutte con affetto, grazie mille per i vostri commenti e buona domenica!

    RispondiElimina