mercoledì 22 febbraio 2012

Parliamone: vermi.

Oggi vi propino un argomento disgustoso.
Alzi la mano chi di voi ha un gatto, al quale viene concessa la possibilità di uscire in giardino, e che non ha mai avuto a che fare, almeno una volta nella vita, con gli schifosissimi, disgustosissimi, viscidissimi e orribili vermi intestinali del suddetto felino. Ebbene sì: i vermi capitano, almeno una volta nella vita. Ribadisco: almeno, perchè purtroppo questo tipo di parassita è molto più frequente e subdolo di quanto non si pensi.

Vignetta da web. Mi rifiuto di pubblicare foto di vermi veri.

Tra i vermi intestinali che generalmente affliggono il gatto troviamo:
- gli ascaridi: sottraggono le sostanze nutritive al gatto, ponendosi nell'intestino tenue, causando irritazioni e ostruzioni intestinali. Le infezioni da ascaridi possono essere asintomatiche (in un gatto adulto con pochi parassiti) o causare sintomi abbastanza evidenti (soprattutto negli animali giovani o debilitati): gonfiore addominale, diarrea, dimagramento, rachitismo e mantello secco e opaco.
- gli anchilostomi: causano diarrea, spesso con tracce di sangue, spossatezza e anemia. Le larve penetrano attraverso la bocca o piccole ferite della cute e, attraverso i polmoni, si insediano nell'intestino tenue, dove si sviluppano nella forma adulta: sono molto piccoli e la loro presenza nelle feci può passare inosservata.
- le tenie: il gatto  di solito contrae la tenia tramite le pulci e i roditori. Il gatto si infetta quando, durante la pulizia personale, ingerisce le pulci che lo infestano, oppure si nutre dei topi che caccia e che ospitano già la larva. Dopo 3 settimane compaiono i vermi adulti nel tratto intestinale. Il gatto elimina piccoli segmenti di questo parassita (detti "proglottidi" e contenenti uova) attraverso le feci, sono piccoli frammenti biancastri lunghi 5-6 mm mobili appena eliminati che diventano simili a semi di sesamo una volta essiccati. Questa infestazione può causare malformazioni se il gatto colpito è in fase di crescita o opacità del mantello e prurito anale dopo l'espulsione dei frammenti.
- i trematodi: possono causare problemi digestivi, itterìzia, diarrea o anemia. Si insediano nell'intestino tenue, nel pancreas e nei condotti biliari.
Vignetta da web. Prevenire i vermi del gatto non è impossibile, ma a volte si rivela difficile.

Come fare per evitare il problema? Anzitutto, è importante tenere il micio libero da pulci, dal momento che diversi vermi (tra cui la temibile tenia) vengono contratti dal gatto ingerendo pulci-ospiti. Per una buona prevenzione applicare dunque mensilmente un buon antipulci (consiglio Frontiline Combo o Stronghold). Fondamentale è anche tenere una buona pulizia degli ambienti, delle ciotole e della lettiera del gatto: ciotole, acqua, cassetta dei bisogni vanno pulite quotidianamente, ma anche la cuccia va periodicamente lavata e disinfettata. Inoltre, beh, bisognerebbe evitare che il gatto venisse a contatto con topi, volatili e altri animali selvatici. Talvolta (come nel mio caso), questo non è possibile e il micio ha libero accesso a giardino e suoi abitanti, compresi i parassiti intestinali. Che fare?
Alcuni consigliano di somministrare, ai quei gatti che hanno libero accesso al giardino, ogni 6 mesi un vermifugo ad ampio spettro. Personalmente non mi trovo molto in accordo con questa tesi: per quanto sicuri, i vermifughi sono comunque sostanze tossiche e non mi piace l'idea di imporli al gatto con regolarità. Magari, in caso di dubbi, meglio fare effettuare al veterinario un esame delle feci e poi agire di conseguenza.
Purtroppo però anche questo esame non è sempre sufficiente: ad esempio le tenie tendono a non essere rilevabili con l'esame delle feci, è molto più facile osservare le proglottidi (simili a "chicchi di riso") vicino all'ano del gatto... quando ormai, purtroppo, l'infestazione è chiara.
Che fare allora? Beh, a quel punto bisogna ricorrere certamente a un vermifugo, facendosi consigliare dal veterinario su tipologia, modalità di somministrazione (talvolta si devono somministrare due dosi, a distanza di 2-3 settimane) ed eventuali controindicazioni.  Alcuni dei più comuni vermifughi sono i seguenti:
Sicura di avervi disgustato abbastanza riguardo a questo argomento, spero ugualmente di avervi fornito indicazioni utili. Ricordate: fondamentale è l'antipulci e una buona pulizia quotidiana. In caso di vermi conclamati, il rimedio c'è... ma non mancate di farvi consigliare dal veterinario!
Per le informazioni sintetiche sui tipi di amabili parassiti intestinali del gatto, ho fatto riferimento a questa pagina di Gattopoli, che dunque ringrazio!

18 commenti:

  1. Pur girando in giardino, per ora (incrocio le dita) non è mai capitato!!! Uso il Frontline Combo periodicamente e.. speriamo in bene!!!
    Grazie per questi preziosi consigli!!!!
    Un bacione a te e una carezzina a Paciocca!!!!

    RispondiElimina
  2. è vero fanno schifo ma per i nostri amici sono letali e bisogna starci attenti.
    ciaooooo

    RispondiElimina
  3. aaaah che brutto ricordo che mi hai risvegliato! la gatta che avevo tanti anni fa aveva preso la tenia... orrorreeeeeee!! per fortuna poi era guarita, ma è stata dura...

    RispondiElimina
  4. @ Lory: fai benissimo, l'antipulci è la prima cosa per evitare gli orridi vermi!! Coccolissime a Kali, Paciocca ricambia con sonore fusa :-))

    @ Isa: hai perfettamente ragione, specie se il micio è piccolino, sottovalutare i parassiti intestinali è un errore gravissimo!

    @ Cristina: maledetta la tenia, ma purtroppo capita!! per fortuna oggi ci sono tanti prodotti in grado di sconfiggere questo parassita ;-)

    RispondiElimina
  5. Se c'è una cosa che non sopporto, a parte i ragni, sono larve e vermi. Sono rivoltanti e, dopo una puntata di Dott. House, ho paura di prendermi qualcosa di terribile! Quindi tutta la mia solidarietà va ai mici e ai loro padroni!

    S.

    RispondiElimina
  6. Ottimi consigli! :D brava! Sono felice che ti siano piaciute le mie castagnole! :D:D:D:D Un baio!

    RispondiElimina
  7. Il nostro veterinario propone ogni anno, in occasione della vaccinazione, la cura anti-vermi. e finora ha funzionato per fortuna. per noi saranno schifosi da vedere ma sono i poveri mici che se li pigliano che hanno la peggio!
    grazie per queste preziose informazioni Silvia!!!

    RispondiElimina
  8. ottimo post!
    Io per i gatti del box,uso il Flubenol pasta.
    1 volta all'anno,invece per i miei gatti,di appartamento uso un'antiparassitario ...che adesso non ricordo il nome...va beh',è ottimo anche per i vermi...
    non ricordo!

    Bacioni

    RispondiElimina
  9. Una delle mie gatte si è beccata la tenia. Ha 2 anni.
    L'altra ha 12 anni, di vermi non ne ho mai visti.

    RispondiElimina
  10. Ciao, io ho scoperto proprio oggi un verme lunghissimo che usciva dal culetto del mio micino, che ho trovato abbandonato, ed era bianco e lungo. Il micetto ha solo due mesi,ma posso dargli lo stesso il vermicida? Non è dannoso visto che è così piccolo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao e benvenuta! Purtroppo è molto facile che i gattini abbandonati abbiano i vermi... comunque, in questo caso ti consiglio di farlo visitare dal veterinario, perchè è giovane (e quindi bisogna fare cautela con le dosi) e molto dipende dal peso e dalle condizioni di salute del gattino sapere se (ed eventualmente quale) vermifugo è il caso di dargli. Mi raccomando, è molto importante farlo vedere dal vet. e capire come procedere con i vermi (fondamentale è capire quale tipo di verme è), perchè il gattino piccolo con questo tipo di problema purtroppo si debilita anche più in fretta dell'adulto. Se ti va, tienimi aggiornata!

      Elimina
  11. Ciao! Oggi ho trovato nelle feci del mio gatto Seth (un Maine Coon di cinque anni e mezzo) dei vermi bianchi e corti, piuttosto tozzi, e dei vermi (o forse larve) corti, duri e tozzi, marroni con la testa nera. Seth è dimagrito, inappetente, inattivo e ha il pelo opaco e spelacchiato, ma non ha la diarrea, ne il vomito, ne altri sintomi tipici dei parassiti intestinali... purtroppo il mio veterinario non c'è ed avrei bisogno sul serio di risposte. cosa sta succedendo al mio Seth??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sabrina! Guarda, non solo non sono veterinario, ma non riesco neppure a darti suggerimenti esatti a distanza! Però mi sembra abbastanza probabile che, se hai visto i vermi nelle feci del tuo micio, anche senza vomito o diarrea ha i parassiti. Io ti consiglierei, se il tuo vet. starà via a lungo, di telefonare ad un altro veterinario per far comunque vedere il tuo micio (se riesci, portagli anche un campione delle feci) così da stare tranquilla... vedrai che con un buon antivermifugo ad "ampio spettro" si risolve tutto, questione di qualche settimana e Seth starà benissimo, soprattutto se non trascuri la cosa! Una coccola al tuo micione, che sarà bellissimo come tutti i maine coon! :-)

      Elimina
  12. Ottimo post. Ho 5 gatti, quasi tutti trovatelli. Abito in un appartamento e i miei gatti vanno, al massimo, sul balcone. Putroppo ultimamente hanno “preso“ le pulci e poi abbiamo trovato nella lettiera due tenie. Il veterinario li ha trattati con antipulci e gli ha fatto una puntura di un vermifugo (non so quale). Non sapevo di dover trattare i gatti tutti gli anni con l'antipulci, da oggi sarà mia cura provvedere. Ti ringrazio ancora.

    RispondiElimina
  13. Il mio gatto ha la tenia quella presa da pulci ...il veterinario mi ha dato come farmaco yomesan ma nel buggiardino c'è scritto che è per umani e non per animali..cosa devo fare e dose devo dare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Veru, ti consiglio di richiamare il tuo veterinario e di farti specificare bene le dosi per il tuo gatto, esponendogli i tuoi dubbi sul fatto che c'è scritto che è un farmaco per umani. Non sono un veterinario e non posso quindi consigliarti niente di diverso, devi sentire il parere di un esperto!

      Elimina
  14. il mio gatto vive in casa e dal balcone non scende mai. possibile che una volta tempo fa un gatto è salito sul balcone ed ha lasciato ciò che probabilmente le ha annidato i vermi?

    RispondiElimina