sabato 16 luglio 2016

Tempo d'estate (2016 - 1)

Esiste qualcosa di più bello dei covoni e dei girasoli d'estate? A mio parere, niente... e mi entusiasmo ancora come una bambina, non appena li avvisto per le strade che costeggiano i campi nei dintorni di casa mia. Così ecco a voi qualche scatto di covoni e girasoli, in giornate piene di luce e di aria, mentre il canto delle cicale risuona ovunque...





L'afa che ci ha presi di mira per diverse giornate nelle scorse settimane, in questo momento ha allentato la presa e questo metà luglio sta regalandoci alcuni giorni di sole e aria fresca, piacevolissimi davvero... il momento giusto per concludere il trasloco e iniziare ad abitare nella nuova casa, finalmente pronta!




Andare in bici per queste strade è una vera fortuna, passano poche auto e si possono fare scoperte interessanti, come alcuni "incontri sonori"... ad esempio in questo canale il concerto delle cicale ha duettato con un assolo forte e potente, quasi un muggito appunto, di una rana toro. Ho provato ad avvicinarmi per individuarla tra le canne, ma non ci sono riuscita... mi resta il ricordo del sole sulla pelle, la limpidezza della giornata e questo suono così inconfondibile del grosso anfibio. Voi l'avete mai udito?


In mezzo a queste canne si nasconde una rana toro...


Ma l'estate è anche tempo di frutti... ecco le nostre more, che finalmente hanno attecchito nel giardino di mia mamma, mentre stanno maturando al sole! Vere e proprie gemme dal gusto pieno, dolce e aspro allo stesso tempo, sono un dono prezioso... negli ultimi anni purtroppo i rovi spontanei che costeggiavano una vecchia strada di campagna sono stati potati a dismisura, forse perchè troppo invasivi e disturbavano il passaggio dei motori agricoli. E così non sapevamo più dove trovare le more per la nostra marmellata! Ci siamo organizzate per averle ugualmente, anche se la soddisfazione di raccoglierle in quella stradina mi mancherà... 

Da così...
... a così!
L'estate, stagione di caldo e di calma, di frutti e di riposo, dovrebbe essere il tempo ideale per assaporare un po' di lentezza e di contatto con la natura... anche per riflettere sulle cose importanti della vita e per rassicurarci di fronte alle tante notizie di attualità che stanno sconvolgendo il nostro mondo.

10 commenti:

  1. Quanto è bello il tuo mondo fatto di cose antiche, di covoni e girasoli, di belle speranze, di amore per ciò che ti circonda. E' un privilegio raro avere così tanta sensibilità per la natura :) !! Una serena dolce lenta estate a te, Paciocca e a tutti coloro che ami

    RispondiElimina
  2. Oh SIlvietta... entro e vedo queste foto e mi sembra ogni volta che il mondo si fermi per un attimo. E' come se in questi scatti si celasse la vera felicità. Quella che viene dalla natura più vera, più dincera... la natua silenziosa eppure piena di vita e suoni meravigliosi. Tante sensazioni che in contemporanea riescono a vivere armoniosamente.
    E grazie per avere ancora una volta condiviso con noi quest tuo mondo perfetto. Mi siederei anch'io all'ombra di un covone soffermandomi sulla beltà di questa terra e sulla semplicità con cui sembra la si voglia mettere in ginocchio... che tristezza infinita. :(
    Bisognerebbe solo venerarla invece, dato ch'è l'unica che abbiamo!

    RispondiElimina
  3. Cara Silvia, ho pensato spesso a te ultimamente, soprattutto mi chiedevo se anche tu stessi celebrando,festeggiando,brindando,abbracciando...insomma se ho degli auguri da farti! Noi ce l'abbiamo fatta, e prima o poi tornerò anche a scriverne sul blog ;)
    Il trasloco è un rito di passaggio bello e duro allo stesso tempo,ti auguro di viverlo con molto entusiasmo.
    Per il resto che dire:qui non molti covoni e girasoli, ma quale immagine migliore per rappresentare l'estate? Ne trovo sempre nella mia Toscana, sulla "strada del mare".
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. ciao
    foto fantastiche. Che belli i girasoli

    RispondiElimina
  5. Che belle foto, Silvia! Il tuo amore per la natura sprizza fuori da ogni immagine, da ogni parola. E che bello quando l'opera umana si armonizza con la natura, non infliggendole pena ma rendendola ancora più bella, con covoni di paglia profumata al sole e campi colmi di girasoli estivi!
    Grazie poi per il duetto tra cicale e rana toro: un canto davvero insolito.

    RispondiElimina
  6. Ciao👋 Silvia!😘 Che meravigliose foto😍 adoro i girasoli!❤ E i covoni di paglia e la campagna trasmettono una pace assoluta! E il canto delle cicale, è uno dei simboli dell'estate, io lo sento anche in città! A presto!😘

    RispondiElimina
  7. Cara Silvia, che belle immagini... la campagna ferrarese somiglia tanto alla "mia" campagna!! Sarai sicuramente nel bel mezzo del trasloco... buon lavoro!!!

    RispondiElimina
  8. @ Nelgiardinodirosita: grazie mille!! :-)

    @ Patricia Moll: grazie grazie!! :-)

    @ Viola: grazie di cuore, le tue sono parole bellissime!! E il tuo augurio lo è altrettanto! Buona estate a te!

    @ Robi: hai ragione cara Robi, forse davvero in queste cose il tempo si ferma e si trova la felicità autentica, o per lo meno una dimensione più “umana” che potrebbe accoglierci in maniera più rilassante, generosa e naturale delle città caotiche e sempre frenetiche nelle quali invece è indispensabile vivere (o almeno rapportarsi in esse). Un abbraccione!

    @ Letizia: eh… manca poco, pochissimo perchè io celebri, festeggi, brindi e abbracci… l’emozione è già tanta, ma in un certo senso non vedo anche l’ora di averla vissuta e lasciata alle spalle, perchè ho tanta voglia del “dopo”, di una quotidianità più tranquilla e “ritirata”, senza tutte queste cose da fare e queste preoccupazioni che, nella loro inevitabile futilità, rendono comunque il periodo molto impegnativo. Mi sa che tu possa capirmi in pieno! ;-) Un abbraccio fortissimo e augurissimi a te, a voi, per il passo compiuto e per la strada che ora state percorrendo ancora più insieme!

    @ Robby: grazie di cuore! :-)

    @ Viviana: che bel commento Viviana, come sempre hai colto l’anima dei miei post e delle mie fotografie! :-) ti abbraccio forte.

    @ Vanessa: è vero, una pace assoluta, un’operosità naturale ed estiva che richiama una stagione di vita ma anche di lentezza! E’ vero, le cicale ormai ci sono dappertutto… anche in città, se hanno la fortuna di avere abbastanza alberi e verde dove le cicale possono rintanarsi per cantare! Un abbraccio!

    @ Lolle: grazie mille!! Il trasloco è praticamente finito… siamo ormai nella nostra nuova casetta! :-) E adesso ci manca solo l’ultimo passo, quello più “sentito” e intimo… un abbraccio e buona estate!

    RispondiElimina