giovedì 23 maggio 2013

Giochi per il gatto in casa: attrezzature e oggetti appositi

Qualche settimana fa vi ho proposto divertenti passatempi per il micio con oggetti d'uso comune nelle nostre case, sottolineando l'importanza del gioco nella vita del nostro amato felino domestico: serve per mantenere pronti i riflessi e allenato il sistema muscolo-scheletrico, contrastare la ciccia, evitargli stress e tedio se chiuso in casa da solo. Sempre tenendo presente tutto ciò, oggi vi parlo di altri tipi di giochi, quelli appositamente studiati dall'uomo per il gatto... con una punta di ironia: per la mia esperienza, il micio che può scegliere tra oggetti "comuni" e oggetti "studiati" per lui, sceglie sempre i primi. E' famosa infatti la frustrazione dei "padroni" benintenzionati, davanti al disinteresse del loro micio di fronte a questi giochi "appositi". Ad ogni modo, ecco una piccola rassegna dei più comuni giochi per gatti.

Topi per gatti. Immagine da web

Tra gli oggetti più diffusi, che si trovano a pochi centesimi nei negozi per animali, ci sono gli onnipresenti topi: ricoperti di pelo, imbottiti di erba gatta, duri per farsi le unghie, con sonaglini o senza, le combinazioni sono infinite. Come reagiscono i vostri mici? La mia gatta Paciocca ci gioca con moderato interesse, anche se difficilmente si metterebbe a giocarci senza un mio stimolo. Invece Sissi, la mia precedente gatta, odiava ogni tipo di topo "artificiale", essendosi follemente innamorata di un topo che le avevo cucito io stessa quando era cucciola: un vecchio calzino imbottito di stoffa, con un pezzetto di cuoio per coda. Basta poco per far felice un gatto... e quanto potremmo imparare noi uomini dallo spirito indipendente e anticonformista del gatto!



Altri giochi molto diffusi sono le varie palline: in gommapiuma, rimbalzine, con sonagli, morbide, piumate... con le piume si trovano anche tutta una serie di bacchette o pendagli che attirano il gatto. Anche in questo caso, io posso testimoniare solo un successo limitato di questi oggetti con i miei mici... ma del resto la cosa non dovrebbe meravigliarci: come i bambini, anche gli animali sono più stimolati a giocare se in compagnia di noi umani o altri loro simili. Quindi non dipende tanto dagli oggetti stessi, dipende piuttosto dalla situazione che riusciamo a creare!

Palline per gatti. Immagini da web

Stesso discorso vale per le meravigliose "palestre" o tiragraffi per gatti, vere e proprie costruzioni architettoniche con amache, pendagli, nascondigli, scivoli, scalette e ogni altro ben di Dio... il tiragraffi viene sfruttato molto dalle cucciolate di gattini o da coppie di mici giocosi. Un gatto adulto, solo, piazzato davanti a un tiragraffi, sarà più propenso a usarlo come cuccia piuttosto che come luogo di folli giochi. Ci tengo comunque a sottolineare l'importanza di questi oggetti per i gatti d'appartamento che non hanno la possibilità di sfogare la loro esuberanza all'esterno: il tiragraffi, specie se di buona qualità, diventa un oggetto indispensabile per permettergli di farsi le unghie senza che ne risentano divani o mobili.

Un grande e articolato "tiragraffi". Immagine da web

Insomma, per concludere: tiragraffi, topi, palline e altri tipi di gioco sono fondamentali (e consigliati) soprattutto per stimolare il movimento fisico di quei gatti che non hanno la possibilità di arrampicarsi sugli alberi, rincorrere farfalle o balzare su poveri animaletti malcapitati. Se il vostro gatto invece ha a disposizione questi passatempi "naturali", è probabile che questi oggetti artificiali non riscuotano un immediato successo.
Per finire, vi lascio appunto un video di Paciocca e un topo finto, interessante perchè vi fa anche vedere i tipici movimenti felini che si attuano anche nella vera e propria caccia. Per fortuna, in questo caso la preda non ne ha risentito!

video

Concludo con una riflessione. Esistono in commercio giochi anche molto sofisticati, interattivi e parecchio costosi, dedicati ai gatti. Personalmente sono contraria a questo tipo di articoli, perchè ritengo non siano necessari per il benessere psicofisico del gatto... è giusto preoccuparsi della sua salute e felicità, ma tenendo sempre presente che non si tratta di un bambino da viziare (cosa da evitare comunque e, per fortuna, il gatto stesso non vi chiederà mai di comprargli l'ultimo modello di topo). Perciò cerchiamo sempre di essere ragionevoli,  ricordandoci che per rendere felice il nostro gatto bisogna dargli soprattutto affetto e attenzioni quotidiane, non l'ultimo gingillo sul mercato!

11 commenti:

  1. Paciocca è bellissima!!!
    I miei gatti come la tua Paciocca sono molto fortunati, possono godere la libertà della vita all'aria aperta e la comodità di una casa calda e accogliente, dove la possibilità di giocare e le coccole non mancano!
    Leggendo il tuo post, non ho potuto fare a meno di pensare che i nostri gatti sono come i bambini, in fondo si divertono con le cose più semplici, i giochi costosi servono a poco se poi mancano affetto e attenzione.

    Complimenti per i tuoi post sempre molto interessati! A presto

    RispondiElimina
  2. I miei gatti si andavano a prendere in un cesto le ciliegie finte, diventavano matti a giocarci ed erano simapaticissimi perchè le prendevano in bocca per il gambo e se le portavano in giro per la casa....me le trovavo ovunque e le prima volta che ne ho prese di vere quando le hanno viste c'è stato da morire dal ridere e per loro quello rimane sempre il gioco per eccellenza:D
    ciao buona giornata
    mgrazia

    RispondiElimina
  3. Bellaaaaaaaaaaaa Paciocca!Il mio è un casalingo di 13 anni, si fa le unghie sui divani....però l'altro giorno dormiva sul divano incollato a mio marito, è caduta una foglia di magnolia in terrazza e lui pensando ad una preda ha fatto un agguato, da manuale!!!L'istinto c'è sempre!!!!Ciao!!

    RispondiElimina
  4. Bella Paciocchina col topolino!
    Il gioco preferito della mia Flick, sono i calzini! ahahahahah!

    RispondiElimina
  5. Il mio gatto gioca con i topini, soprattutto quelli che fanno rumore. Ignora però la bellissima palestra che gli ho comprato qualche tempo fa, anzi all'inizio gli faceva pure paura ed evitava di passarci vicino. Qualcuno mi sa dire perché? non dovrebbe essere almeno un po' incuriosito?
    ciao

    RispondiElimina
  6. @ Lolle: hai ragione in tutto e per tutto!!

    @ Maria Grazia: ma che bello, come mi sarebbe piaciuto vedere la scena!! Pensa che comunque tanti gatti amano giocare con le ciliegie!!

    @ Mari e Fiorella: eh eh, l'istinto giocoso e di caccia il gatto non lo perde proprio MAI!!! :-))

    @ Eli: bella la tua Flick!! E' dolcissima e anche quando gioca dev'essere un amore

    @ Mirtilla: Ah!!! Non vedevo l'ora che qualcuno mi ponesse una domanda simile!!! E' esattamente lo stesso comportamento che ho osservato in Paciocca (e in altri gatti prima di lei) verso alcuni oggetti... ad esempio un topo di paglia, proprio lo evita, quando lo vede cerca proprio di starne alla larga. Io credo, Mirtilla, che si tratti soprattutto di una questione di odore: forse gli oggetti che noi compriamo anche con le migliori intenzioni, vengono da chissà dove e sanno da plastica, o da componenti chimiche... l'olfatto del gatto è molto sviluppato e coglie ogni tipo di odore. Forse queste palestre o questi articoli hanno un odore troppo artificiale per essere apprezzati dai gatti. Mi spiego solo in questo modo la "ritrosia" di fronte ad alcuni oggetti, anche se specificatamente pensati per i mici. Se qualcuno di più esperto passa da qui e ha la sua ipotesi in merito, sarei felice che si aggiungesse a questi commenti!!

    RispondiElimina
  7. Purtroppo certe volte ci comportiamo come certe mamme che vogliono viziare il figlio comprandogli il gioco più bello!All'inizio l'ho fatto anche io comprando a Cocca un tiragraffi enorme che lei non ha cag...o neanche di striscio.Per fortuna l'ho potuto restituire!!Ora ha solo un orsetto di peluches (che non era un gioco per gatti) che le piace ma ci gioca solo se glielo muovo io!

    RispondiElimina
  8. Ciao, ma quanto bella è Paciocca!!!
    Marvin e Nerello sono gatti d'appartamento e giocano con le cose più "sciocche" tipo i laccetti che chiudono i sacchetti, palline di carta di alluminio che preparo io, le cartine arrotolate dei cioccolatini...l'ultima passione di Nerello sono le ombre sul muro, fà dei salti altissimi per prendere le strane forme che prendono corpo con le mie mani!!!
    Cose comperate appositamente non sono mai state gradite, tranne un bel tiragraffi che piace molto al nobile Marvin.
    Molto interessante il tuo post, c'è sempre qualcosa da imparare!!!
    Baci

    RispondiElimina
  9. ma che bei giochini, i topini piacciono alle mie, ma alla fine con i gatti ho capito che per i giochi è meglio spendere pochi soldi, le mie si divertono di più con una pallina fatta di carta o di stagnola.
    baci baciotti

    RispondiElimina
  10. "l'ultimo modello di topo" ahahahah! sei fantastica! ;)
    la nostra Brì adora le guarnizioni di ricambio per le macchinette del caffè che fa rotolare sul pavimento!

    RispondiElimina
  11. Il mio micione gioca a entrapment coi gomitoli!! Sì, sono convinta che dipenda molto dall'indole del gatto: se è giocherellone userà qualunque cosa gli capiti a tiro, anche se non è a forma di topolino!

    RispondiElimina