venerdì 4 maggio 2012

"La terapia delle fusa" di Véronique Aiache

Quanti di noi potrebbero raccontare almeno un'occasione in cui, mentre eravamo affranti, arrabbiati, preoccupati o sofferenti, abbiamo tenuto in braccio il nostro micio e le sue fusa hanno mitigato il nostro stato d'animo? Penso che sia capitato a tutti, così come ciascun fortunato "coinquilino" del gatto si sarà abituato a godere dei momenti passati ascoltando il ronfare placido del soddisfatto felino.
Chi ha proposto la teoria che vede le fusa come effettivamente terapeutiche (anche a livello medico) è Véronique Aiache, che nel libro "La terapia delle fusa" (Armenia editore) cerca di avvalorare questa tesi con esempi, ricerche scientifiche e qualche aneddoto personale.



La cosa più interessante di questo libro sono alcuni studi scientifici relativi alla positiva influenza del gatto sulla nostra salute: "Sapevamo che accarezzare un gatto fa abbassare la pressione arteriosa e il ritmo cardiaco. Avevamo constatato anche che le fusa del gatto hanno un effetto calmante sul bambino che si muove nel ventre della madre. Studi più recenti rivelano che le fusa faciliterebbero inoltre la guarigione di disturbi osteoarticolari, muscolari, tendinei e respiratori" (V. Aiache, La terapia delle fusa, p. 38). Questo si deve al fatto che la frequenza delle fusa feline si estende dai 25 ai 50 hertz, che è lo stesso intervallo di frequenza usata in ortopedia per trattare fratture mal consolidate o artrosi degenerative. Inoltre è stato osservato che che "i gatti presenterebbero cinque volte meno postumi dei cani e ritornerebbero in forma tre volte più in fretta... di qui l'ipotesi che le fusa avrebbero una vera e propria azione terapeutica" (V. Aiache, La terapia delle fusa, p. 33). Ecco un video da Youtube:

video


Il libro è completo di un cd con mezz'ora di fusa di micio, il cui ascolto è utile per rilassarsi e accompagnare esercizi respiratori o di yoga. In generale, tutti sappiamo come il suono del "ron-ron" abbia il potere di cullarci e distenderci i nervi tesi... e anche il gatto "usa" questa sua capacità non solo per esprimere felicità ma anche come auto-calmante naturale. Ho già avuto modo di dire, su questo blog, come gatti in preda a un forte trauma possano fare le fusa. 
Ho particolarmente apprezzato alcuni capitoli di stampo storico-folkloristico, che ho trovato davvero ben fatti e approfonditi. Si parla soprattutto del gatto nella cultura orientale: ad esempio le statuine di "Maneki-neko" (il gatto portafortuna) oppure dei "bar dei gatti" giapponesi, veri e propri locali dove, oltre a prendersi un thè, si può accarezzare un gatto.

Un "bar dei gatti"
A onor del vero, mi sono rimaste alcune perplessità rispetto a un paio di capitoli: forse sarò troppo "occidentalizzata" e poco incline a discorsi mistico-spirituali che indicano il gatto come "fonte di energia positiva" e stimolatori del "Chi"... ma in ogni caso un paio di questioni non mi hanno convinta, non ultimo il fatto che la gatta della scrittrice non sia stata sterilizzata e la sua seconda cucciolata abbia seriamente corso il rischio di essere soppressa poco dopo la nascita.
In ogni caso vi invito a leggere questo libro, se vi dovesse capitare, perchè nel complesso resta una lettura molto interessante e sicuramente altrettanto originale, anche in quanto ricca di approfondimenti storici e folkloristici davvero ben fatti. Inoltre è indubbio che la compagnia di un gatto fuseggiante sia tra le più positive al mondo, non solo per i suoi effetti "sonori" benefici, ma anche per l'affetto che il micio ci dimostra con questo dolce suono!

16 commenti:

  1. E' vero!
    Quando sono nervosa e accarezzo il mio MIrtillo, mi calmo subito!
    Buon weekend! Ciao

    RispondiElimina
  2. Che bello voglio il cd con mezzora di fusa per quando la mia Cocca non ne ha voglia!Io adoro il ronfare dei gatti,lo considero un ninna nannameravigliosa!!Domani lo cerco in libreria che devo proprio andarci!

    RispondiElimina
  3. Ciao, che interessante deve essere questo libro. Del potere terapeutico dei gatti ne sono certa e dell'importanza delle fusa anche. In effetti Birba non faceva mai le fusa, quest'inverno quando stava molto male ha cominciato a farle, ora si lascia coccolare molto di più e in quei momenti fa le fusa. Nerello è una fusa perenne, molto rumorosa e dirompente, è un cucciolo super attivo, quindi con la sua iper energia potrebbe essere un'ottimo "curante"!!!
    Mi convinco sempre più, che al di la dell'impegno, dei costi e dei sacrifici è una bella fortuna avere dei gatti!!!
    Baci e buon we

    RispondiElimina
  4. Ovvio, noi gatti, oltre ad essere bellissimi siamo pure terapeutici!!! Una vera meraviglia della natura! Miaooo =^.^=

    RispondiElimina
  5. Solo chi possiede un gatto capisce davvero quanto sia rilassante accarezzarlo!!!
    E che bello quando ti si stendono in grembo e cominciano a fare le fusa!

    RispondiElimina
  6. Concordo!!!!!!!! Meraviglioso e rilassante ascoltare il gatto che fa le fusa!!! La mia micia sente quando io ho bisogno del suo conforto!!!
    Un bacione grande e felice serata!!!

    RispondiElimina
  7. le fusa terapeutiche... beh si, in effetti le fusa di Briciola mi rilassano molto... e poi la storia del gatto nella cultura giapponese è molto interessante...

    RispondiElimina
  8. Non ho alcun dubbio sull'aspetto terapeutico delle fusa e comunque sulla presenza di un gatto in una casa..una casa senza un gatto non è una "vera" casa per me! Persino in dialetto bergamasco c'è un detto che dice "non c'era neppure il gatto" ed esprime un concetto di desolazione.. Sono anch'io perplessa sul fatto di non sterilizzare la propria gatta e poi trovarsi con cucciolate indesiderate..al giorno d'oggi non è più tollerabile, poveri micetti..che fine faranno dopo?!

    RispondiElimina
  9. Tutto verooo, la ns mamy sta bene grazie alle ns fusa :-).
    Abbiamo inserito il tuo post in Informa Pelosi e nel Diario. Aspettiamo di sapere se così ti piace! Miaooo a tuttiiiii... Magò & Mia

    RispondiElimina
  10. Le fusa sono la musica più bella per me, non c'è niente di più rilassante!!
    Ho un paio di maneki neko che sebbene molti li trovino "kitsch", mettono allegria.
    Ho letto del bar dei gatti, e mi ha messo un po tristezza. Non sono mici "liberi", e vederli "a tempo" mi pare disumano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me mette un pò di tristezza pensare al "bar dei gatti"... non solo per i gatti "confinati" (diciamo che stanno meglio che in un gattile, credo), ma anche per gli uomini: mi sembra una visione fantascientifica di un mondo un pò alienato. Magari sbaglio...

      Elimina
  11. Credo fortemente nella terapia della fusa!

    Conosco bene i bar dei gatti giapponesi, ed in parte li capisco, per varie ragioni: perchè in Giappone sono molto rigidi per quanto riguarda il possesso di animali da compagnia negli appartamenti, e qundi molte famiglia ci devono rinunciare.
    Altra cosa essendo degli instancabili lavoratori, passando tutto il giorno fuori, tornando tardi la sera non potrebbero stare dietro ai mici a casa.

    E poi ricordo anche Dewey, il famoso gatto del libro, che praticamente viveva nella libreria della padrona, e la gente alla fine andava più che altro per vedere il felino che non a leggersi un libro! :) potere della fusa!

    RispondiElimina
  12. la mia gatta mi ha fatto terapia per venti giorni tutte le notti per una tendinite alla spalla ...lo faceva in modo scientifico...mi scopriva la spalla da coperta e pigiama ,passava sopra al cuscino per acciambellarsi intorno al collo e faceva le fusa con una tale intensita che mi vibrava lo stomaco e senza mai addormentarsi . Dopo circa 15 min si alzava e tornava come d`abitudine in fondo al letto. Beh... mettetela come volete ma, man mano che il dolore diminuiva, lei riduceva le "applicazioni" fino a che passato tutto, non e` piu` venuta.Quando mi tratta qualche altra parte del corpo e non ho male... mi fa preoccupare!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Duchessa: grazie davvero per la tua straordinaria testimonianza!!! Sembra davvero incredibile, ma invece è una delle tante storie di "ordinari miracoli" che sanno compiere i nostri mici :-) Che meraviglia!! Coccole alla tua gatta fisioterapista ;-)

      Elimina
  13. sono esseri fantastici, c'è poco da fare, bisogna amarli..anche a e capita spesso di rilassarmi molto quando il mio gatto fa le fusa ma non avrei mai immaginato basi scientifiche simili a queste! sono magici :) e sono in grado di darci tanto amore.. il mio quando è tanto rilassato fa le bavette?!?! che sia normale?!??! io però lo amo lo stesso :D
    bacio
    Silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Silvia: non si può fare altro che amarli!!! Si si, è normale che alcuni mici sbavino quando fanno le fusa e sono molto rilassati, ho avuto anche io almeno un paio di gatti che facevano così :-)) E anche io li ho amati comunque alla follia!! Un abbraccio!

      Elimina