sabato 27 novembre 2010

Scatti dalla fiera novembrina

Mi sono stati inviati alcuni scatti della fiera a cui "A coda alta" ha partecipato la scorsa domenica!! Io ero impegnata con uno spettacolo in teatro del conservatorio e quindi non ho potuto essere presente, ma come promesso ecco le foto:

Il colorato banchetto di "A Coda Alta".
Si intravedono le volontarie Donatella (di spalle) e Aida.

Una "libreria" artistica ospita i nostri oggetti.


L'affluenza non è stata proprio dirompente... ma è anche vero che domenica scorsa di dirompente, purtroppo, c'è stata la pioggia: ha piovuto ininterrottamente per tutto il pomeriggio, buio e freddo... diciamo che non era proprio il giorno ideale per fare un giro. Speriamo che ci vada meglio con i prossimi appuntamenti di dicembre!

Aida dà informazioni sul nostro operato a favore dei mici abbandonati.

Dicembre sarà infatti un mese pieno di attività per "A Coda Alta", che sarà presente con due banchetti nelle seguenti date:
- 8 dicembre, dalle ore 10 alle ore 19, presso Ipercoop Il Castello;
- 30 dicembre, dalle ore 10 alle ore 19, presso Ipercoop Le Mura.
Ma soprattutto tutti noi volontari siamo in grande fermento perchè stiamo preparando un mercatino natalizio con i fiocchi!!! Si terrà al Chiostro di San Paolo in Piazzetta Schiatti a Ferrara, dal 17 al 24 dicembre, orario continuato dalle 10 alle 19 tutti i giorni... presto pubblicherò la locandina e tante altre notizie in merito!!

Alcune ghirlande natalizie.

Anche io mi sto dando un sacco da fare per questo prossimo mercatino: sto dando sfogo alla mia fantasia e creatività per un bel pò di oggetti natalizi di tutti i tipi... prossimamente su queste pagine. Buon fine settimana a voi e a tutti i vostri pelosi/pennuti/squamati!

giovedì 25 novembre 2010

Luisito: una storia d'amore

Amo leggere e nel corso dell'anno divoro molti libri, apprezzo i generi più disparati... eppure ci sono alcuni libri, non molti, la cui lettura mi regala qualcosa, un'emozione che permane negli anni, un messaggio importante che si fissa dentro di me. Forse dipende dal libro in sé, o forse dal momento della vita che si sta vivendo, che rende particolarmente "ricettivi" a una storia più che a un'altra. Probabilmente entrambe le cose... e oggi vi parlo proprio di un libro che mi sento di consigliare a TUTTI, grandi e piccoli, lettori accaniti o solo occasionali: Luisito di Susanna Tamaro.


Ho letto questo breve romanzo  in un pomeriggio dell'estate del 2008... è stato quasi un caso, appoggiato sul tavolo distrattamente da mio padre... l'ho aperto, ho cominciato a leggere la prima pagina e senza accorgermente l'ho finito, davvero commossa.... che dire? La storia è semplice, lineare: Anselma, insegnante in pensione che conduce una vita tutto sommato grigia, salva un pappagallo coloratissimo, al quale dà nome "Luisito", in ricordo di una sua cara amica. Inizia così, per Anselma, la riscoperta della vita: occupandosi del pappagallo, si occupa anche di se stessa, scoprendosi capace di amare il nuovo amico pennuto, e grazie a lui anche la sua vita... giustamente il sottotitolo è "una storia d'amore", perchè il filo conduttore è il commovente legame d'affetto che può instaurarsi tra uomo e animale e come questo cambi qualitativamente l'esistenza umana. In questo libro viene descritta, con una non comune sensibilità, l'enorme differenza che fa il condividere la propria vita con un animale: che sia gatto, cane, coniglio o pappagallo...  anche se non ci cambiano radicalmente la vita, anche se non possono risolvere i nostri complicati problemi, nè ci salvano dai nostri errori o dalle nostre preoccupazioni... eppure ci arricchiscono nei piccoli momenti, nella semplicità di condividere un boccone o una carezza, nella gioia di ritrovarsi sotto lo stesso tetto, nello scoprirsi reciprocamente necessari... e nella meraviglia di essere così diversi, eppure così capaci di comunicare grazie all'amore, vero e proprio linguaggio universale che supera anche le differenze di specie.

lunedì 22 novembre 2010

La frase del giorno... con video Simon's Cat!!

Un gatto si trova sempre dal lato sbagliato di una porta. Anonimo

video


Fonte: The Official Simon's Cat Website -  http://www.simonscat.com/index.html

Simon's Cat è una serie di fumetti e film animati divertenti-realistici sul gatto... l'autore, Simon Tofield, è un fumettista inglese che si interessa di natura, pittura, grandi spazi aperti e ovviamente gatti. Ne possiede quattro e personalmente trovo che nei suoi lavori riesca a cogliere con una vena davvero geniale lo spirito un pò capriccioso del nostro amato felino domestico. Ogni video è una piccola perla di "saggezza felina", vi strapperà sorrisi a non finire!!! Buona visione a tutti!!!

giovedì 18 novembre 2010

Un consiglio davvero natalizio (scusate l'anticipo!)


 
Quando ero piccola (in realtà non molto tempo fa, ma per certe cose sembrano passati secoli), mi accorgevo dell'arrivo del Natale solo ai primi di dicembre, quando i supermercati esponevano le decorazioni, le lucine e gli scaffali colmi di dolci tipici... al pomeriggio le pubblicità tra i cartoni animati erano ugualmente a tema natalizio, poi anche a scuola comparivano delle decorazioni... finchè non arrivava il momento di fare l'albero e il presepe anche a casa mia (rigorosamente messo al riparo dal gatto).


La gatta Paciocca alle prese con alcune decorazioni natalizie

Adesso tutto anticipa: le vie di Ferrara hanno già le luci natalizie fissate e accese, pandori e panettoni riempiono gli scaffali ormai da qualche giorno, le vetrine sono già tutto un addobbo. La cosa mi rende un pò perplessa: amo la città in versione "luccicosa", adoro preparare lavoretti, dolci, pacchetti e pacchettini per i miei cari, mi piace l'atmosfera natalizia ma... non già adesso! E' troppo presto! Come ogni anno poi, ci sarà la corsa ai regali, e probabilmente il fatto che negozi, supermercati, città e canali tv si siano già "sintonizzati" sulla dimensione natalizia indica la volontà di spremere il prima possibile i nostri portafogli in occasione delle prossime festività.


Una bella veduta della piazza di Ferrara "natalizia", 2008.

Allora approfitto di questo per proporvi un consiglio davvero natalizio, che in fondo ha poco a che vedere con luci, abeti addobbati e mangiate pantagrueliche... per cercare i vostri regali, prima di comprarli "dove capita", magari date un occhiata ai siti delle tante associazioni di volontariato: animaliste, umanitarie, a scopo benefico. Tanti siti hanno una sezione "shopping-on-line" dove potrete trovare tanti articoli belli e utili il cui acquisto andrà in beneficenza: questo sarebbe un vero regalo di Natale. Da punto di vista "animalista", io vi propongo ovviamente il calendario della mia associazione "A coda alta", ma anche sui siti della LAV, dell'OIPA o del WWF potrete trovare tante idee molto belle.


http://www.associazioneacodaalta.it/calendari-2011-a-coda-alta.html

Naturalmente se invece vi sentite più vicini a temi umanitari o preferite dare un contributo per la ricerca contro le malattie, in internet troverete l'associazione che fa per voi. Inoltre potreste informarvi sulle realtà di volontariato nella vostra città: è possibile che le associazioni sia nazionali che locali organizzino mercatini natalizi, perchè non dare un'occhiata?
Credo che scegliere i propri regali da un'associazione di volontariato sia un gesto molteplicemente natalizio: si fa del bene, si boicotta il lato meramente commerciale che ci propinano tv e negozi, si dona a chi vogliamo bene il frutto di una scelta altruista. Per quanto le lucine mi piacciano sempre un sacco, è questo il "vero" Natale.

martedì 16 novembre 2010

Domani è la giornata del gatto nero!

Iniziativa promossa da Aidaa (associazione italiana difesa animali e ambiente) e da Canoneinverso, da domani, mercoledì 17 novembre, ci saranno manifestazioni in piazza, riunioni e feste per riabilitare la figura del micio nero... la nostra elegante pantera domestica, nei secoli è stato purtroppo soggetto a superstizioni e credenze negative, ad oggi non ancora superate del tutto.
"Se lo cercherete in una notte senza luna sarà impossibile trovarlo. Di lui potrete solo intuirne la presenza attraverso quei due fanalini chiari che sono i suoi occhi. Di lui si è detto tanto, forse anche troppo. Da sempre bistrattato per le sue origini popolari legate alla stregoneria, oggetto di scherno, spergiuro o – peggio ancora – di tortura, il gatto nero ha ora bisogno di una riabilitazione sociale". Da http://www.canoneinverso.eu/

Blacky, gattina curata da una volontaria e poi adottata,
vi mostra uno sguardo felino piuttosto soddisfatto!
In realtà il gatto nero non in tutte le tradizioni è associato alla malasorte: ad esempio nel sud della Francia viene detto "matagot", gatto magico, e la famiglia che lo accoglie in casa si dice che avrà fortuna. Dice inoltre un proverbio francese: "Se trovate un pelo bianco su un gatto tutto nero la Dea Bendata vi bacierà presto". Anche in Inghilterra il felino domestico nero ha una buona fama; recita il proverbio inglese: "Nella casa dove vive un gatto nero non mancherà mai l'amore".
Personalmente, ritengo che tutti i mici, di tutti i colori, taglie, dimensioni, caratteri, siano splendidi e nessuno porti nè sfortuna nè fortuna... quel che ci portano, se impariamo a conoscerli e voler loro bene, è soltanto un'infinità di affetto, questa è l'unica vera fortuna.

Nadal, micino sperduto trovato su un campo di tennis... curato
e nutrito da una volontaria, ora ha trovato casa!!!

Probabilmente, se sul micio nero si sono concentrate così spesso leggende, miti e superstizioni, è dovuto al suo aspetto particolarmente affascinante. "Il gatto nero, portatore di magia, era il rappresentante delle tenebre; ma grazie alla pelliccia, che poteva anche assumere il bagliore luminoso del chiaro di luna, o dell'argento, poteva contare su una duplice identità. Inoltre il nero era un sottoprodotto del fuoco, che per gli antichi era una realtà bella, utile e dotata di grande potere. Tutti questi aspetti erano, e sono ancora oggi, presenti nel gatto nero" (cit. da Il mio gatto è un mito, di Geralrd e Loretta Hausmann).

Nemo, cucciolo nero vivace e affettuoso, è stato
adottato al gattile e ora ha una famiglia tutta per lui.

Al gatto è legata una complessa varietà di simbolismi risalenti alla mitologia egizia, nella quale era adorato come rappresentante di una divinità. Questo suo carattere "magico" si è però tramutato in "maledizione" con l'arrivo della peste in Europa, nel 1300. La tremenda epidemia di peste arrivò a uccidere ben 2/3 della popolazione europea: si può capire come i sopravvissuti pensarono di essere stati puniti dal cielo e diedero così il via a diverse superstizioni, tra cui la caccia alle streghe. Il gatto nero venne identificato come il compagno prediletto della strega e, tragicamente, tante donne e gatti vennero bruciati sul rogo.

Mel, micina adottata al gattile!!!
Il presidente di Aidaa, Lorenzo Croce, lancia una petizione a favore del micio nero: firmarla è un atto simbolico con il quale si dichiara che il gattone nero deve essere liberato da ogni connotazione negativa. Potete firmare su  http://firmiamo.it/vivaigattineri . Inoltre, sempre da Aidaa, viene lanciato un bellissimo concorso fotografico per tutte le proprietarie dei gatti neri!!!
Si tratta di “MISS GATTO NERO”, la partecipazione è gratuita e aperta a tutte le donne (e i gatti neri) di qualsiasi età. Per partecipare basta inviare una mail all’indirizzo missgattonero@gmail.com , con i propri dati e la fotografia del micio e di sé (sono ammessi anche nudi artistici). Le foto verranno selezionate e giudicate da una giuria di esperti, e nel marzo 2011 sarà proclamata “Miss gatto nero”. La foto vincitrice e le prime 12 selezionate verranno poi impiegate per fare il calendario 2012 “Miss gatto nero”, il cui ricavato sarà devoluto in "beneficenza felina". Tutte le altre foto saranno comunque impiegate nella realizzazione dell’agenda 2012, il cui ricavato andrà anch’esso in beneficenza per gatti di gattili e colonie feline.

Pepe, un giovanissimo gatto nero dall'affettuosità
incredibile!!! Dopo essere approdato in gattile,
ha trovato casa qualche mese fa.
Afferma Lorenzo Croce a proposito del concorso: “E’ un’iniziativa nuova, un vero e proprio concorso di bellezza che vede due protagonisti: le signore e i gatti neri speriamo di raggiungere un numero importante di partecipanti in modo da poter coprire tutti i 365 giorni dell’anno dell’agenda 2012 del Gatto Nero. Partecipare a Miss Gatto Nero è un gioco, è un modo come un altro per aiutare i nostri amici felini chiusi nei gattili e i volontari che si occupano di loro. Ovviamente la partecipazione è assolutamente gratuita, basta infatti inviare una foto con il proprio gatto nero per poter partecipare. Questa è una delle manifestazioni che vogliamo lanciare in questo mese dedicato interamente al gatto nero, di cui il prossimo 17 novembre ricorre la festa”. Per info 3478883546-3926552051.

Vi segnalo altre tre iniziative pro-gatto nero, una a Roma il 21 novembre 2010, un'altra a Milano al gattile di Via Aquila sempre il 21 novembre e un'altra a Parma, domani:


Comunicato stampa di Aidaa e Canoneinverso. Clicca per ingrandire

http://imicidiazalea.blogspot.com/2010/11/festa-del-gatto-nero-al-gattile-azalea.html  (per Roma)

http://animali-parma.blogautore.repubblica.it/2010/04/27/a-parma-la-giornata-del-gatto-nero/ (per Parma)

sabato 13 novembre 2010

La natura a colori: l'utile coccinella

In questi giorni di maltempo, pioggia e nebbia, porto un pò di colore sul mio blog parlandovi di un argomento non gattoso, ma comunque riguardante il mondo della natura. Le finestre di casa e le mie piante ospitano in questo periodo una miriade di coccinelle coloratissime: ho così deciso di dedicare un post a questo utile e amato insetto.

Una delle tante coccinelle sulle foglie dei miei ciclamini
Le coccinelle, insetti dell'ordine dei coleotteri, sono generalmente viste con simpatia per la loro forma rotondeggiante e i loro vivaci colori: anche il loro grafico "punteggiamento" le distingue da altri insetti meno piacevoli. Per tutto l'inverno sono letteralmente circondata da molte coccinelle che entrano in casa e cercano riparo dal freddo: così me le ritrovo regolarmente tra i libri, gli spartiti, i cd, le penne, le matite... credo che passino l'inverno nei vasi delle mie molteplici piante, e di tanto in tanto vengono a trovarmi mentre studio.

Una coccinella sui miei libri di filosofia

La coccinella intellettuale

Osservando da vicino le coccinelle, che  per loro natura tendono insolitamente a raggrupparsi in numerosi assembramenti, si scopre che non sono affatto tutte uguali, anzi!! Mi sono così divertita a documentarmi e a classificare i vari tipi di coccinella con cui condivido il tetto. La coccinella comune, quella più diffusa, è detta "septempunctata" e ha quindi sette puntini neri.

BIEDRONA.JPG
Coccinella comune (fonte: Wikipedia)
Altre coccinelle piuttosto diffuse  hanno due, quattordici e ventidue puntini. Da quello che ho potuto vedere, non ho ancora trovato una coccinella a ventidue punti nei miei paraggi...

Adalia bipunctata: due punti


Se ho ben contato... quattordici: Propylea 14-punctata
Le coccinelle non sono solo "simpatiche", ma sono anche estremamente utili: sono infatti usate nella lotta biologica, dal momento che si nutrono di parassiti nocivi per le coltivazioni, come afidi, acari, e addirittura funghi. Personalmente guardo con approvazione le coccinelle che girano indisturbate tra le mie piante grasse poichè si cibano anche di  "cocciniglie cotonose", parassiti particolarmente tenaci e invadenti che attaccano facilmente le cactacee, mietendo spesso qualche "vittima"...



Le coccinelle sono vere e proprie alleate dei coltivatori grazie alla loro voracità: la coccinella a sette punti, ad esempio, è in grado di papparsi fino a 100 afidi al giorno! Grazie alla loro utilità vengono perfino allevate e appositamente introdotte nelle coltivazioni. In realtà bisogna andare cauti: in America, ad esempio, è stata introdotta una specie di coccinella asiatica che si sta diffondendo a scapito delle coccinelle autoctone.

Una vorace coccinella... ma la foglia del mio
ciclamino è stata vittima di una ruga, ahimè...
Tradizionalmente si dice che  la coccinella porti fortuna. Questo detto è legato a vari motivi. Ad esempio, i sette punti della coccinella comune ricordavano, in antichità, le sette stelle più brillanti delle Pleiadi, che aiutavano i marinai ad orientarsi nel Mediterraneo. Un altro tipo di tradizione vuole la coccinella abbinata alla figura della Vergine Maria, e infatti in certe zone d'Italia le coccinelle vengono chiamate "mariole" o "marioline". Chissà se è perchè nel mese di maggio, dedicato alla Vergine, sui rosai in fiore c'è pieno di coccinelle che si pappano felici gli afidi.

Una coccinella passeggia sulla mia mano

Adesso un pò di notizie artistiche: le coccinelle sono uno dei soggetti prediletti (assieme ai gatti) per chi dipinge su sasso! Oggi vi mostro quindi un altro lato del rock-painting: è possibile creare, con i sassi dipinti, diversi oggetti molto originali, come anelli, ciondoli, portachiavi. Nella foto che segue vedete un sasso dipinto a coccinella in stile realistico, montato poi su un anello: la bravissima pittrice in questo caso è Samantha Abis, potete visitare le sue creazioni su http://www.bysa.it/ oppure seguire il suo blog http://ritrattidianimali.blogspot.com/  Samantha ha ideato tutta un'originale serie di sassi (anche bomboniere) sul tema delle coccinelle: andate a dare un'occhiata, meritano assolutamente!!!


La mia mano con l'originalissimo e allegro "coccianello",
realizzato da Samantha Abis!

Infine, dato che mi piace sperimentare tutto, ecco due delle mie prime prove di sassi dipinti: violette e coccinelle, un tema primaverile (infatti risalgono a maggio scorso).



Queste coccinelle con le elitre aperte le ho dipinte
seguendo il bel progetto di Ernestina Gallina.


martedì 9 novembre 2010

Vi presento Norman!!!

Oggi vi presento Norman, un bel micio, ma bello davvero: sembra un norvegese delle foreste. E in più è speciale: ha solo tre zampine, gliene manca una posteriore... è stato adottato da piccolo dal mio amico Fabio (assieme a Pinky, ricordate?)... volete vedere come se la può passare un micio speciale a tre zampe?

Ecco Norman in una posa statuaria...
è consapevole di essere un bellissimo gatto!

Norman da gattino... La classe non è acqua!
Per raccontarvi la storia di Norman riporto la testimonianza diretta di Fabio:
"Norman da piccolo ha subìto un incidente: si è infilato in una automobile, e quando questa è stata messa in moto, una qualche parte in movimento gli ha rotto una zampina posteriore. L'autista lo ha lasciato andare senza soccorrerlo e lui è andato a rintanarsi in un buco, dolorante. Una signora che ha assistito alla scena ha provato a recuperarlo, ma è riuscita solo dopo un paio di giorni, quando ormai la zampa era già in cancrena, e il veterinario ha dovuto asportargliela (oltretutto era anche poco fiducioso che sarebbe riuscito a cavarsela). Ce l'hanno portato qualche giorno dopo l'operazione, io me ne sono innamorato subito, e per tre giorni l'ho tenuto sempre con me, anche a dormire, finche' non ha preso confidenza con la casa. Poi ha cominciato a giocare con gli altri inquilini, ma è rimasto molto affezionato al sottoscritto, infatti di solito è sempre sulle mie gambe. Crescendo abbiamo dovuto farlo ri-operare, perche' l'osso della zampa durante la crescita aveva cominciato a bucargli la pelle, provocandogli forti dolori. Per il resto il micio non ha molti problemi... è pure più agile di Pinky ed è capace di saltare dappertutto!"


Norman micetto assieme a Pinky e alla micina bianca Siria

Ecco Norman adesso!


Questo è il suo posto preferito:
al calduccio vicino a Fabio!!!

La bella storia di Norman e di Fabio è significativa su come i nostri amici a quattro zampe si adattino in maniera veramente sorprendente ai loro limiti fisici... quella che per noi uomini sarebbe una grave menomazione, questo micio ha imparato a viverla "come neanche"!!! Mi piacerebbe che tutti voi lo vedeste in azione, è veramente agile e veloce ma soprattutto... incantevole!!!

Ecco di cosa è capace Norman: affrontare
la temibile Pinky in un giocoso combattimento!!

Norman alla scoperta di un sacchetto: curiosità e
gioco sono la seconda natura dei gatti!!!

Vi ho fatto conoscere Norman per darvi una volta di più la testimonianza diretta di come un micio possa letteralmente rivivere dopo un brutto incidente... ma vorrei anche farvi riflettere sul fatto che forse, se chi l'ha investito si fosse fermato a soccorrerlo, Norman non avrebbe perso nessuna zampina. Ricordate che soccorrere un animale ferito per strada è un obbligo sancito per legge ( http://www.lav.it/index.php?id=1548 )!
 
Un magnetico sguardo di Norman da cucciolo

Al termine di questo post mando un ringraziamento a Fabio e un saluto a tutta la sua numerosa famiglia felina. Ricordate: un micio incidentato merita di vivere nel migliore dei modi la sua "seconda occasione"... non lasciatelo morente sul ciglio della strada, non scartatelo automaticamente tra quelli in gattile, non pensate a sopprimerlo perchè non è più "perfetto"... Norman ad esempio è qui per ricordarci che è tre il numero perfetto!!!

sabato 6 novembre 2010

Appello per un'alternativa energetica: sì alle rinnovabili, no al nucleare

"Tutte le nostre azioni, tutti i nostri pensieri, anche i più intimi, hanno una rilevanza politica. (…) Ciascuno di noi, ogni giorno, esercita in mille modi un’enorme influenza politica. E tra tali modi vi è anche quello di ‘lasciare che le cose accadano’: essere passivi, indifferenti, mostrarsi ignoranti quando bisogna esprimere la propria opinione". Arne Naess


Questo weekend in tutta Italia ci saranno iniziative contro il nucleare e a favore delle energie rinnovabili. Riporto l'appello di Mauro Bulgarelli, portavoce della presidenza di "SI alle energie rinnovabili NO al nucleare" (fonte: http://www.oltreilnucleare.it/ ):

“Oggi e domani in tutta Italia si terranno centinaia di manifestazioni nell’anniversario del referendum contro il nucleare del 1987 e nell’ambito della manifestazione “100 piazze per il clima”, che quest’anno ha come tema conduttore proprio quello delle energie pulite e sicure. Centinaia saranno anche le postazioni dove sarà possibile firmare per il progetto di legge di iniziativa popolare a favore delle energie rinnovabili, la cui raccolta delle firme è entrata ormai in fase avanzata. Una mobilitazione straordinaria, resa possibile dai tantissimi volontari che in tutt’Italia si sono autorganizzati per raggiungere l’obiettivo delle 50.000 firme necessarie per la presentazione della legge. Noi confidiamo che le firme possano essere molte di più, così da lanciare un segnale forte per questo governo ormai in smobilitazione, che vuole lasciare come eredità indesiderata la truffa delle centrali nucleari, ma anche per quello che verrà: gli italiani non vogliono il nucleare ma energie pulite, sicure e rinnovabili.”

Qui l'elenco delle iniziative nazionali di questo weekend, per informarsi e partecipare: http://www.oltreilnucleare.it/data.htm 

Qui un volantino, per informarsi e divulgare: http://www.oltreilnucleare.it/images/pdf/appello.pdf 

Un altro resoconto equilibrato e affidabile si può leggere su : http://www.wwf.it/nucleare.sh 

Nuovo sito per "A coda alta"!!!

http://www.associazioneacodaalta.it/
 
"A coda alta" ha rinnovato il proprio sito, ora abbiamo una nuova "casetta" in internet per ospitare le foto e le storie dei nostri mici in attesa di adozione... vieni a trovarci su http://www.associazioneacodaalta.it/ e dicci la tua!!!
Un ringraziamento all'agenzia "Artefatta" di Ferrara (soprattutto a Cinzia e Daniele) per averci dato la possibilità di avere questo nuovissimo sito.

martedì 2 novembre 2010

La frase del giorno: Robert A. Heinlein

Le donne ed i gatti faranno sempre ciò che vogliono, e gli uomini ed i cani farebbero bene a rilassarsi ed abituarsi all'idea.
Robert A. Heinlein
 

La gattona Pinky in un momento di beatitudine...!
Pinky è una bellissima miciona dal pelo semilungo, felicemente accasata assieme ad altri gatti, sotto il tetto del mio amico Fabio (che ringrazio per avermi passato le foto!). Pinky ha avuto un inizio vita un pò difficile: quando era ancora uno scricciolo rosa e bianco è stata abbandonata... sarebbe finita al gattile, ma la famiglia di Fabio l'ha accolta... e ora guardatela qui! E' una micia-gigante, pelosissima, soffice, dal forte carattere e giocosa... insomma, la vera padrona di casa (assieme agli altri felidi), e rappresenta perfettamente la citazione di oggi!!

Ecco Pinky da micetta, minuta e piccina, assieme a Norman,
un micio che vi farò conoscere molto presto!